Globe Adventurer

Vivi la tua avventura

Willkommen

IN 60 DAYS INTORNO AL MONDO!

Tentativo di record mondiale da parte dell'avventuriero di Globe Marc Suter

Marc Suter, noto anche come "Globe Adventurer", aveva fissato un obiettivo ambizioso per 2019: solcare il mondo nel tempo record dei giorni 60 su una moto. Questo sarebbe il nuovo record mondiale per la più veloce circumnavigazione del mondo in moto! Il suo viaggio doveva condurre attraverso i chilometri 77'000, attraverso tutti i continenti 6 e i paesi 36.

Marc Suter, 36, di anni fa, è un esperto paesaggista e ha lavorato per un'azienda di catene da neve come responsabile delle vendite di area per 10 anni. Inoltre, ha realizzato l'unica operazione militare della KFOR in Kosovo. Fin da piccolo suo padre lo aveva portato in tour in moto, che presto divenne una passione per la moto. Ispirato da altri avventurieri come Nick Sanders, Urs Pedraita aka "Grizzly" e Dylan Wickrama, Marc ha ideato il suo progetto!

Equipaggiato con una Yamaha Super Ténéré e abbigliamento moto iXS dalla testa ai piedi è lo svizzero su 1. Giugno 2019 a 01: l'orologio 00 di Diesse nel Giura bernese alla sua avventura. In precedenza, Marc aveva sfruttato ogni occasione per tre anni per prepararsi meticolosamente alla grande avventura. Ha passato un allenamento fisicamente duro e ha accuratamente selezionato la sua attrezzatura in numerosi test. C'era molto da organizzare e pianificare in anticipo: dove ho bisogno di un visto, come posso attraversare i diversi confini nazionali, dove sono le stazioni di benzina per la mia moto, ecc.

Il primo giorno Marc ha viaggiato fino a Biała Podlaska in Polonia. Erano i chilometri di 1'616. Marc sapeva di poter compiere la sua missione record mondiale solo guidando 15 attraverso 18 ore al giorno, facendo una media dei chilometri 1'100. Doveva adattarsi al fatto che rimaneva solo il tempo per il sonno più necessario! Abbiamo alloggiato sull'amaca coperta o con la gente del posto se si fosse presentata l'opportunità.

Agli oltre chilogrammi 250 della sua Yamaha, Marc ha dovuto portare a bordo i chilogrammi 100 di bagagli. Strumenti, pneumatici di scorta e abbigliamento per temperature comprese tra meno 5 ° e oltre 45 ° Celsius, nonché una tanica. Supporto tecnico Marc ha ottenuto da alcuni posti di blocco presso varie agenzie Yamaha, circa ogni 10'000 chilometri. Lì, il servizio potrebbe essere fatto e le gomme cambiate.

Dalla Polonia, Marc voleva davvero viaggiare in Russia attraverso la Bielorussia il secondo giorno. Sfortunatamente, non puoi entrare ufficialmente in Russia attraverso questa rotta come non russo. Pertanto, non ha avuto altra scelta che prendere la deviazione che richiede tempo attraverso l'Ucraina. A 22: orologio 00 di 2. Giugno 2019 alla fine portò Marc alla dogana russa. Perché il suo visto per la Russia solo da 3. Quando 2019 era valido, Marc dovette aspettare due lunghe ore da qualche parte nella terra di nessuno prima di poter finalmente attraversare il confine.

Nei primi tre giorni attraversò la Germania, la Polonia, l'Ucraina e raggiunse la Russia. Con 5'000 chilometri coperti, aveva l'obiettivo più che fatto. Il viaggio lo portò sempre più a est, sull'7. Il giorno in cui ha superato Ulan-Ude. Secondo il suo GPS, il percorso più veloce per la Cina si è rivelato noioso e difficile da guidare in pratica. In tre incidenti Marc doveva sempre piegare di nuovo le valigie laterali. Dopotutto, nulla di grave si è rotto. Per recuperare il tempo perduto, Marc ha guidato 24'2 chilometri in 700 ore. Raggiunse puntualmente Vladivostok per caricare la sua Yamaha Super Ténéré sull'aereo per Vancouver.

Dopo l'arrivo dell'uomo e della macchina e un servizio a Vancouver, fu chiamato "fuori a sud". La rotta pianificata si estendeva dal nord del Canada attraverso il confine verso gli Stati Uniti, lungo l'intera costa occidentale fino al Messico e seguendo sempre la leggendaria rotta Panamericana attraverso l'America Latina e il Sud fino alla punta più meridionale di Ushuaia in Argentina. A Newport, Origon, Marc ha costretto i problemi della retina nell'occhio destro a una pausa obbligatoria di quattro giorni. Il successivo viaggio successivo proseguì secondo i piani e Marc si sedette diligentemente chilometri per chilometri.

Il confine con il Messico è già avvenuto e, a tutta velocità, il grande sogno di Marcs di lancio dopo caso si è rotto in mille pezzi. L'incidente è avvenuto su un'autostrada a due corsie separata dalla direzione: un pick-up deve averlo trascurato sulla sua motocicletta e lo ha guidato da una strada laterale piegandosi davanti al suo naso. Marc non ebbe alcuna possibilità di manovre frenanti o evasive e si scontrò con il veicolo. Lo stesso Marc non ha memoria dell'esatto incidente, ma per il resto non è stato ferito - per fortuna! Tuttavia, la sua macchina era irreparabile, quindi la sua avventura si interruppe bruscamente. Marc non ebbe altra scelta che fermare prematuramente il suo tentativo di record del mondo.

Marc Suter ha segnato a metà del mondo il suo tentativo di record del mondo in non abbastanza ore 400:

"Abbastanza letteralmente, ho trascorso 398 ore, 29 minuti e 54 secondi di 18'429.40 chilometri sulla bici in 27 ore. Ho trascorso un totale di 17 giorni, di cui ho trascorso cinque giorni trasportando da Vladivostok a Vancouver e quattro giorni ho avuto il problema della retina a Newport in Oregon. Inoltre, è stata fornita una mezza giornata di servizio a Vancouver, in Canada e a Chihuahua, nonché il giorno prima di un cambio gomme a Nikolayevka, in Siberia. Quindi ho appena trascorso esattamente 11 giorni in sella per bici. Durante il mio World Tour, ho perso XNUMX chilogrammi di peso.

Quando sono partito per 01: 00 nel Giura bernese di notte, era 7 ° Celsius, nel deserto dell'Arizona la temperatura massima era 47 ° Celsius. Tuttavia, con le attrezzature per abbigliamento iXS, ero ben attrezzato per tutte le condizioni. La giacca e i pantaloni Tour Montevideo-RS-1000 hanno una struttura molto variabile, quindi sono stato in grado di adattare i miei vestiti in qualsiasi momento in modo ottimale alle condizioni prevalenti.

Anche il camice iXS Enduro HX 207 mimetico con casco, visiera e parasole era un compagno di viaggio perfetto. Come guanto, ho scelto il guanto iXS Timor GTX Grip. Una buona soluzione di compromesso: grazie a GORE-TEX® Membrana le mie mani erano asciutte anche sotto la pioggia e quando faceva caldo, il guanto portava via l'alta traspirabilità molto vapore acqueo verso l'esterno. Per proteggermi ulteriormente dalla pioggia e dal freddo, avevo una giacca antipioggia e pantaloni Silver Reflex ST di iXS. Poiché il nuovo materiale si riflette completamente nei fari al buio, questa tuta antipioggia offre maggiore comfort e maggiore sicurezza.

L'elevato effetto protettivo dell'abbigliamento ha sicuramente contribuito anche al fatto che non ho subito lesioni gravi nei miei incidenti. Il mio viaggio di avventura ha significato un vero test a lungo termine per l'abbigliamento, che hanno superato a pieni voti. L'attrezzatura per l'abbigliamento mi ha sempre servito bene e potevo contare completamente su di essa. È così robusto che fortunatamente è ancora pienamente operativo. Quindi posso continuare a indossarli in viaggi futuri ".


Prova viaggio in Corsica
Mille grazie a IXS per l'innovativo concetto di giacca da moto "Montevideo III"

#iXS #Motorrad #Moto #Motorcycle #GlobeAdventurer #Yamaha #gpsglobe #Tenere #XT1200 #MarcSuter #Cycletech #worldrecord #Weldrekord #recortdumonde #Reise #voyage #travel #Abenteuer #aventure #hebcobecker #Anodyne #Moerisport # Mörisport #Bornpower #PneuDick #Precidec